28 | 08 | 2019 ,

Allenamento per le prove scritte dell’esame di Stato.

Nei giorni 23 e 27 Agosto, si sono tenute le simulazioni delle prove d’esame nelle classi IV liceo.

Gli studenti  molto emozionati ma opportunamente preparati dal personale docente, hanno cominciato l’allenamento per le prove scritte dell’esame di Stato.

La simulazione della prima prova, quella che tradizionalmente è chiamata “prova di italiano” e che forse sarebbe più opportuno chiamare d’ora in poi “prova di scrittura”è quella che apre l’esame di Stato.

La prima prova, infatti, in forma scritta, accerta la padronanza della lingua italiana, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato. Essa consiste nella redazione di un elaborato con differenti tipologie testuali in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico. La prova può essere strutturata in più parti, anche per consentire la verifica di competenze diverse, in particolare della comprensione degli aspetti linguistici, espressivi e logico-argomentativi, oltre che della riflessione critica da parte del candidato

La seconda prova invece è diversificata per ogni indirizzo e riguarda le materie caratterizzanti dei due orientamenti liceali.

Nel liceo scientifico gli studenti hanno affrontato una prova mista di matematica e fisica: lo studente dello scientifico ha dovuto scegliere uno dei due problemi e 4 delle 8 domande.

Nel liceo delle scienze umane con opzione economico-sociale, gli studenti hanno affrontato una prova mista di diritto ed economia e scienze umane .

Gli studenti dell’indirizzo economico-sociale hanno elaborato delle riflessioni a partire da due testi relativi alle materie di indirizzo e scegliere 2 quesiti tra i 4 proposti.

La durata della prova è stata di 5 ore e la sorveglianza dei docenti costante e a rotazione.

Le simulazioni di prima e seconda prova sono un esempio concreto delle nuove prove scritte dell’esame di Stato, che il Ministero dell’Istruzione italiano ha deciso di far svolgere ai maturandi come segno di introduzione alle prove ufficiali di Novembre.